Archivio

Archivio per la categoria ‘Applied Technology’

MicroBee PC 85 (Model II) Keyboard Repair

Ho ricevuto questo computer in ottime condizioni estetiche ma purtroppo con alcuni tasti della tastiera non funzionanti.

La riparazione risulta molto semplice, bisogna dissaldare lo switch e poi aprirlo delicatamente, all’interno pulire le due striscioline metalliche e il piccolo pulsante (vedi foto).

 

Applied Technology MicroBee PC 85 (Model II) + ROM Eprom Dump

Applied Technology MicroBee PC 85 (Model II)

Autopsy:

testo tratto dalla homepage di Wikipedia:

MicroBee (Micro Bee) era una serie di home computer prodotti da Applied Technology, più tardi conosciuta come MicroBee Systems.

L’originale computer MicroBee fu progettato in Australia da parte di un team che includeva Owen Hill e Matthew Starr. Era basato sulle caratteristiche disponibili sulle schede con bus S-100 chiamate DG-Z80 e DG-640 sviluppate da David Griffiths, le schede S-100 chiamate TCT-PCG sviluppate da TCT Micro Design e le schede S-100 chiamate MW6545 sviluppate da Dr John Wilmshurst. Originariamente era composto da due schede, dove la scheda posta sotto conteneva la tastiera, il microprocessore Zilog Z80, il controller CRT Synertek 6545, 2 kB di “video” RAM, 2 kB della ROM dei caratteri (128 caratteri) e 2 kB della RAM per la grafica dei caratteri programmabile (Programmable Character Graphics o PCG) (128 caratteri). Ogni byte nella RAM video indirizzava un carattere presente o nella ROM dei caratteri o nella RAM PCG. Una seconda scheda, chiamata “core board”, conteneva la memoria e sui modelli successivi includeva anche il controller per il floppy disk.

Il computer era stato concepito come kit, con le istruzione per assemblarlo incluse nella rivista Your Computer, nel Giugno 1982. Dopo una vittoriosa partecipazione ad una gara d’appalto per il Dipartimento Educazione del New South Wales, il computer fu posizionato in un nuovo case a due colori beige e nero, e venduto già assemblato. La ROM da 16 kB conteneva l’interprete BASIC MicroWorld scritto da Matthew Starr e il compatibile Monitor di sistema DGOS (David Griffiths Operating System).In aggiunta alla ROM da 16 KB, c’era un socket per le ROM da suare con programmi opzionali come il Word processor WORDBEE o EDASM (un editor/assembler per Z80 che era stato scritto da Ron Harris).

I MicroBee originali avevano una velocità di clock di 2 MHz, con un clock per i punti del video di 12 MHz, che erano sufficienti per mostrare 64 x 16 caratteri (512 x 256 pixel) su una televisione modificata o un CRT. Le macchine originarie erano fornite di 16 o 32 kB di memoria RAM statica, e memorizzava i programmi su cassette, usando lo standard Kansas City con codifica a 1200 Baud.

Download: MicroBee PC 85 ROM Eprom Dump (837)

source: wikipedia

Applied Technology MicroBee (Series 2 Educator) 50% Boxed

Applied Technology MicroBee (Series 2 Educator)

Autopsy:

Ho dovuto fare il cavo Video Composito /Alimentazione (8.5 – 10 volts) e Ingresso/Uscita Tape perche’ non veniva dato di serie con il computer

testo tratto dalla homepage di Wikipedia:

MicroBee (Micro Bee) era una serie di home computer prodotti da Applied Technology, più tardi conosciuta come MicroBee Systems.

L’originale computer MicroBee fu progettato in Australia da parte di un team che includeva Owen Hill e Matthew Starr. Era basato sulle caratteristiche disponibili sulle schede con bus S-100 chiamate DG-Z80 e DG-640 sviluppate da David Griffiths, le schede S-100 chiamate TCT-PCG sviluppate da TCT Micro Design e le schede S-100 chiamate MW6545 sviluppate da Dr John Wilmshurst. Originariamente era composto da due schede, dove la scheda posta sotto conteneva la tastiera, il microprocessore Zilog Z80, il controller CRT Synertek 6545, 2 kB di “video” RAM, 2 kB della ROM dei caratteri (128 caratteri) e 2 kB della RAM per la grafica dei caratteri programmabile (Programmable Character Graphics o PCG) (128 caratteri). Ogni byte nella RAM video indirizzava un carattere presente o nella ROM dei caratteri o nella RAM PCG. Una seconda scheda, chiamata “core board”, conteneva la memoria e sui modelli successivi includeva anche il controller per il floppy disk.

Il computer era stato concepito come kit, con le istruzione per assemblarlo incluse nella rivista Your Computer, nel Giugno 1982. Dopo una vittoriosa partecipazione ad una gara d’appalto per il Dipartimento Educazione del New South Wales, il computer fu posizionato in un nuovo case a due colori beige e nero, e venduto già assemblato. La ROM da 16 kB conteneva l’interprete BASIC MicroWorld scritto da Matthew Starr e il compatibile Monitor di sistema DGOS (David Griffiths Operating System).In aggiunta alla ROM da 16 KB, c’era un socket per le ROM da suare con programmi opzionali come il Word processor WORDBEE o EDASM (un editor/assembler per Z80 che era stato scritto da Ron Harris).

I MicroBee originali avevano una velocità di clock di 2 MHz, con un clock per i punti del video di 12 MHz, che erano sufficienti per mostrare 64 x 16 caratteri (512 x 256 pixel) su una televisione modificata o un CRT. Le macchine originarie erano fornite di 16 o 32 kB di memoria RAM statica, e memorizzava i programmi su cassette, usando lo standard Kansas City con codifica a 1200 Baud.

source: wikipedia